Il settore dei trasporti marittimi contribuisce in modo significativo all’emissione di gas serra in atmosfera. È stato avviato un progetto congiunto Regno Unito-UE per sviluppare soluzioni di cattura del carbonio retrofit e altre tecnologie per le navi per ridurre le loro emissioni e il consumo di carburante.

Il progetto Green Marine mira a sviluppare soluzioni innovative che possano aiutare le navi a ridurre la loro impronta di carbonio, migliorando l’efficienza energetica. Tra queste soluzioni vi sono tecnologie di cattura del carbonio retrofit, come anche altre tecnologie che possono aiutare le navi a ridurre i loro consumi energetici.

Si prevede che i risultati del progetto siano molto positivi e sarà un grande passo in avanti per attuare una reale transizione verso un settore marittimo più sostenibile ed ecologico.

Sebbene le navi esistenti forniscano il contributo più basso alle emissioni totali di GHG (gas serra) dei trasporti europei, gli organismi di regolamentazione internazionali come l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) mirano a ridurre ulteriormente le emissioni trasportate dall’acqua.

Il team di Green Marine svilupperà protocolli e soluzioni di retrofit per consentire al futuro della navigazione di essere efficiente dal punto di vista energetico e del carburante, catturare il carbonio che emette per deacidificare i nostri oceani e disporre di sistemi di circolazione dell’aria chiusi privi di virus.

Il progetto durerà fino a gennaio 2027 con un finanziamento UE/Regno Unito di quasi 5 milioni di euro.

Per aiutare le diverse parti interessate nel loro processo decisionale, verrà creato un catalogo di strumenti software che raccolga le conoscenze su queste e altre soluzioni. Il progetto dimostrerà questi strumenti e le soluzioni innovative a bordo delle navi Caledonian MacBrayne (CalMac).

Il dottor Iraklis Lazakis e il professor Evangelos Boulougouris guideranno questo sforzo da Strathclyde, contribuendo a tutti i pacchetti di lavoro tecnico, in particolare nella dimostrazione dell’ammodernamento delle flotte di navi esistenti e nelle attività di sfruttamento e diffusione del progetto.

Obiettivi del progetto

 

  • Il Progetto Green Marine ha come obiettivo la riduzione delle emissioni di gas serra, con particolare focus sull’inquinamento da carbonio. Il progetto mira anche a ridurre il consumo di carburante e migliorare l’efficienza energetica delle navi. Questo si tradurrà in un minor numero di emissioni, una maggiore sostenibilità e un minor impatto ambientale, nonché in una maggiore competitività nel settore dello shipping.
  • Inoltre, il progetto Green Marine contribuirà a sviluppare e convalidare strumenti di protocollo di retrofit adatti per adattare i motori, la cattura e l’utilizzo del carbonio dei gas di scarico e soluzioni integrate.
  • Sviluppare e convalidare uno strumento software contenente un catalogo aggiornato di soluzioni adeguate per un’ampia varietà di tipi di navi e scenari operativi.
  • Personalizza una soluzione per la rimozione di (nano)particelle e virus adatta ai vapori gassosi.
  • Personalizza le membrane di separazione gas-gas disponibili in commercio per la cattura di acqua e CO2.
  • Sviluppare e implementare una soluzione per la cattura del carbonio basata su una soluzione alcalina con Ca- e Mg dall’acqua di mare.
  • Replicare gli apprendimenti del progetto a tutte le parti interessate; Stimolare l’uso dello strumento software e arricchire ulteriormente i suoi dati; Cooperare con la comunità marittima globale di armatori, operatori, cantieri navali e fornitori di attrezzature.
  • Il progetto fornirà anche un’opportunità unica per gli attori del settore marittimo di sviluppare una destinazione comune per gli strumenti software di retrofitting come una soluzione sostenibile, offrendo una nuova alternativa realistica e competitiva nel mercato dell’utilizzo e dello stoccaggio della cattura del carbonio (CCUS).

I partner del Progetto

 

Per conseguire questi obiettivi, il progetto Green Marine riunisce 10 partner dell’industria e del mondo accademico in tutta Europa e nel Regno Unito, tra cui il Dipartimento di Architettura Navale e Ingegneria Oceanica dell’Università di Strathclyde che offrirà assistenza tecnica e di consulenza, nonché un gruppo di ricerca con competenze nella progettazione di navi, motori e sistemi ibridi; il Cyprus Marine & Maritime Institute (CMMI) e altri partner dell’industria e del mondo accademico significativi. Tra questi: Smart Material Printing; Windplus Sonne GmbH; Politecnico delle Marche; BlueXPRT; SINTEF; PDM; CalMac Ferries Limited; e Carbon Capture Machine.

I partner del progetto sono stati selezionati in base alle loro competenze e esperienze specifiche.

Insieme, i partner lavoreranno per sviluppare soluzioni di cattura del carbonio retrofit e altre tecnologie per le navi per ridurre le loro emissioni e il consumo di carburante e migliorare l’efficienza energetica.

Tecnologie

Il progetto Green Marine mira a sviluppare cinque innovazioni tecnologiche che contribuiranno a ridurre le emissioni di carbonio delle navi. Tra queste ci sono soluzioni di cattura del carbonio retrofit e altre tecnologie per le navi.

La tecnologia di cattura del carbonio retrofit mira a consentire l’installazione di sistemi di cattura del carbonio su navi esistenti. Questo può essere fatto attraverso l’aggiunta di contenitori o altre soluzioni tecnologiche alla struttura della nave. Una volta installati, i sistemi di cattura del carbonio consentiranno alle navi di ridurre le loro emissioni di carbonio, migliorando la loro efficienza energetica.

Altri progetti come l’utilizzo del gas naturale come combustibile, l’utilizzo di tecnologie di recupero di calore, l’utilizzo di sistemi di monitoraggio dei combustibili, l’utilizzo di tecnologie e materiali più efficienti energeticamente e l’utilizzo di combustibili marini a basse emissioni di carbonio, contribuiranno anche alla riduzione delle emissioni di carbonio.

Il progetto Green Marine mira inoltre a dimostrare che le innovazioni tecnologiche possono essere sostenibili dal punto di vista economico. Questo include lo sviluppo di soluzioni che soddisfino i requisiti e i requisiti della normativa vigente, oltre all’identificazione di soluzioni economiche e tecnologicamente sostenibili per l’implementazione di tali tecnologie.

Inoltre, il progetto Green Marine prevede di sviluppare una piattaforma di supporto che consenta ai proprietari di navi e agli operatori di navigare in modo sicuro negli oceani del mondo. La piattaforma dovrebbe anche fornire una conoscenza approfondita della legislazione marittima e dei requisiti operativi e dovrebbe fornire un supporto tecnico durante la fase di installazione delle tecnologie.

Il progetto Green Marine mira a fornire agli armatori le conoscenze e gli strumenti necessari per ridurre le loro emissioni di carbonio e migliorare l’efficienza energetica delle loro navi. Il progetto mira anche a contribuire allo sviluppo di un’industria marittima più sostenibile e alla riduzione dell’impatto ambientale dei trasporti marittimi.

Il Progetto Green Marine rappresenta un grande passo in avanti per ridurre le emissioni di carbonio del settore marittimo. La cattura del carbonio retrofit e altre tecnologie innovative potrebbero contribuire a ridurre le emissioni di anidride carbonica, ridurre il consumo di combustibile e migliorare l’efficienza energetica delle navi.

Con una maggiore collaborazione tra i partner dell’industria e del mondo accademico, si spera che il Progetto Green Marine sarà un successo e contribuirà a migliorare la nostra comprensione delle sfide ambientali, tecniche ed economiche che l’industria marittima deve affrontare.