Sostenibilità e vela, un binomio indissolubile

Quali sono le caratteristiche di chi ama la vela?

La randa, il fiocco, lo spi, ma soprattutto un grande desiderio di uscire dal porto e prendere il largo, spegnere il motore e cazzare le drizze.

Tutto questo, però, è solamente la punta dell’iceberg che, come se fosse una testa, spicca fuori dall’acqua e non vede il resto del corpo sommerso.

Ecco, ciò che si cela dietro le miglia percorse, le andature di bolina perfettamente a 40°-45° o l’ebrezza della falchetta in acqua, è il preciso lavoro del velaio o come mi piace definirlo uno scrupoloso artigiano che ama il mare.

Eko Sail è tutto questo, con l’aggiunta di un pizzico di follia: siamo una veleria molto giovane nata appena un anno fa, nel 2020, in uno dei periodi più incerti dell’imprenditoria italiana quando le chiusure per fallimento sono all’ordine del giorno a causa dell’emergenza pandemica da Covid-19.

Dalla nostra parte, come se fosse un vaccino formidabile, abbiamo oltre quaranta anni di esperienza in mare, in progettazione e fabbricazione delle vele per qualsiasi necessità grazie ad un team composto da navigatori di lunga data ed esperti artigiani.

Non solo, per cercare di dare una spiegazione a tutto tondo e illustrare chi siamo, non possiamo parlare solamente di esperienza, qualità, amore e rispetto per la natura in generale ma introduciamo il tema dell’ Eko-logico.

La sostenibilità è fondamentale per chi frequenta lo sport della vela: durante le regate d’altura o le lunghe traversate è molto importante saper gestire le risorse così come imparare a minimizzare i rifiuti prodotti a bordo.

Noi di Eko Sail lo sappiamo e vogliamo farlo sapere ai molti, il nostro obiettivo è promuovere la cultura del riuso al fine di migliorare l’integrazione e l’armonia tra i velisti, tra le persone e l’ambiente ma più in generale tra le barche ed il mare perché se si fa qualcosa di buono, si sta meglio.

Come facciamo a rendere possibile tutto ciò?

Cercando anzitutto di ridurre al minimo gli sprechi dati dalla produzione delle vele attraverso un processo di miglioramento continuo, messo in pratica da tutti i componenti dello staff e dai collaboratori.

Abbiamo introdotto rigorosi standard operativi aziendali, posizionando i controlli a monte dei processi, certificandoli, e specializzandoci nella cosiddetta gestione just-in-time delle merci e delle lavorazioni che consente di avere a disposizione il materiale necessario a un determinato lavoro, nel momento giusto e nel quantitativo richiesto.

In questo modo riduciamo le scorte a inventario nonché le quantità di prodotti avanzati e stoccati a magazzino senza sprecare risorse molto importanti.

Stiamo sviluppando un sistema di riciclo delle vele usate per evitarne lo smaltimento: ognuna potrebbe avere una seconda vita, un materiale indistruttibile che viaggia verso nuove rotte.

Riutilizzare le vele nautiche non più adatte alla navigazione e dar loro una nuova vita.
Le vele dismesse vengono selezionate accuratamente dal nostro esperto staff, lavate, tagliate e infine vengono lavorate cercando di utilizzare specifici materiali del settore grazie ai nostri partner che condividono la stessa filosofia aziendale.

Vogliamo rendere la creatività, l’artigianalità e il riutilizzo come un oggetto simbolo della nautica e così facendo si ottengono prodotti nuovi, unici: disegni e cuciture particolari permettono questo, la cosiddetta irripetibilità che può essere personalizzata a seconda del gusto del cliente.

autore: Giancarlo di Benvenuto

CEO EkoSail: azienda leader nella produzione e riparazione delle vele da crociera, regata e per le derive